Get a site

Category Guide & Tutorials

HTML 5 mettiamoci in pari con l’evoluzione del Web.

A oltre dieci anni di distanza dalla pubblicazione dell’ultima specifica HTML, la 4.01, per il celebre Hyper Text Mark-Up Language è arrivato il momento di rimettersi in pari con l’evoluzione del Web.

La nuova versione 5, di cui il World Wide Web Consortium (W3C) ha appena rilasciato una bozza, ha il compito di assimilare le nuove tendenze del Web, accogliendo i numerosi e importanti cambiamenti che nell’ultimo decennio hanno portato alla nascita del cosiddetto Web 2.0.

html5-developers-banner

Sebbene HTML 5 sia un progetto in divenire, e molte cose debbano ancora essere discusse e definite, gli intenti del W3C sono già ben chiari: incorporare nello standard concetti e funzionalità che rispecchino quanto più possibile le modalità di utilizzo reali del linguaggio, e aggiungere ad HTML tutta una nuova serie di fu...

CONTINUA A LEGGERE

Linux Mint, bella, potente, facile da utilizzare grazie ai tool “proprietari”.

Linux Mint è una distribuzione GNU/Linux per personal computer. Si basa su Ubuntu e usa sia dei repository specifici, sia quelli di Ubuntu di Canonical Ltd.

La particolarità di Linux Mint restano, comunque, i tool mintInstall, mintUpdate, mintDesktop e mintAssistant, che permettono di gestire il sistema in modo rapido e semplice.

Come da sempre Mint aspetta a rilasciare le propie distribuzione un mese circa dopo l’uscita della versione ufficiale di Ubuntu.
Mentre il nucleo di Linux Mint è basato su Ubuntu, il design, alcune applicazioni ed in generale l’interfaccia utente, sono sviluppate direttamente dal team di Linux Mint: le differenze includono dei temi, codec multimediali, un menù personalizzato ispirato a quello di Windows Vista, una collezione di strumenti di sistema progettati pe...

CONTINUA A LEGGERE

Come creare, modificare e ordinare i propri record bibliografici con Bibus.

Come creare, modificare e ordinare i propri record bibliografici con Bibus.

Bibus è un programma di gestione di dati bibliografici: permette di creare, modificare, ordinare e cercare i propri record bibliografici. Inoltre, Bibus offre delle funzionalità che lo rendono unico tra i database bibliografici open source e anche commerciali:

* Organizzazione gerarchica dei riferimenti usando chiavi create dall’utente
* Concepito per ambienti multi-utente
o Si può condividere il database con un “illimitato” numero di utenti
o Ogni utente ha la propria classificazione
o Si possono stabilire i permessi per i singoli utenti: sola lettura o lettura e scrittura
* Ricerca live: le ricerche si aggiornano se il database cambia

bibus-bibliographic-database-14350771
* Ricerca on-line PubMed
* Ricerca on-line eTBLAST
* Inserimento dei riferi...

CONTINUA A LEGGERE

Come costruire un bellissimo album 3D con Cooliris.

Cooliris è un componente aggiuntivo, per Firefox, in grado di mostrare i contenuti di alcuni siti Web in un modo nuovo e assolutamente sorprendente come un album 3D (e non solo).

Se ad esempio andiamo in Google immagini e clicchiamo sull’icona di Cooliris (a forma di quadratini in alto a destra) o nell’angolo in basso a sinistra di ogni immagine, lo schermo si oscura e istantaneamente tutti i contenuti multimediali vengono visualizzati in full screen e con una stupefacente grafica 3D, alla maniera di un album fotografico.

Cooliris è una popolarissima “browser extension” che dona al programma con cui “vi gustate la rete” la possibilità di navigare tramite le immagini: esse funzionano proprio come l’introduzione di un articolo di cui viene però proposto solo il titolo.

cooliris-1

Pos...

CONTINUA A LEGGERE

Memcached permette la gestione di una cache condivisa.

Memcached è un software opensource che permette la gestione di una cache condivisa.

L’utilizzo di tale software permette di alleggerire il carico per quanto riguardo il dispositivo che fornisce lo storage dati.

Per esempio nel caso dell’utilizzo di un database, se un software richiede parecchi dati e le query eseguite sono spesso le stesse, sarebbe inutile continuare ad eseguire richieste procedurali al DBMS per reperire i dati, quando si possono facilmente salvare in una cache.

L’utilizzo più comune di Memcached è legato al WEB e l’utilizzo di pagine dinamiche.

Un esempio potrebbe essere quello di un blog: il blog è una pagina internet con aggiornamenti più o meno frequenti che restituisce però, sempre un elenco di post.

memcache1

L’idea è quindi quella di inserire in una cache il contenuto ...

CONTINUA A LEGGERE

Guida ai comandi mount e umount.

Nei sistemi Unix e derivati, per poter accedere ad un’unità periferica di memorizzazione, occorre che il filesystem di questa sia montato in quello globale.

Contrariamente al DOS non si può indicare una directory o un file di un certo dispositivo (in DOS si digitava “A:” per accedere al floppy disk).

Il montaggio è l’operazione con cui il filesystem di una qualunque unità di memorizzazione viene “innestato” in una directory del filesystem già attivo (per accedere al floppy disk bisogna fare ad esempio “cd /mnt/floppy”).

La directory che le maggior parte delle distribuzioni usano per montare temporaneamente le unità esterne è “/mnt”.

Facciamo un esempio:

Mount-USB-Pendrive-Ubuntu
Con il seguente comando
–> mount -t ext2 /dev/fd0 /mnt/floppy
monto il dischetto (il cui device si chiama “/dev/fd0”) con filesyst...

CONTINUA A LEGGERE

Ubuntu VM Builder può essere usato anche per creare macchine virtuali personalizzate.

Ubuntu VM Builder può essere usato anche per creare macchine virtuali personalizzate.

Inizialmente sviluppato per creare la variante JeOS di Ubuntu Server Edition, ubuntu-vm-builder può essere usato per creare macchine virtuali personalizzate.

L’applicazione ubuntu-vm-builder fornisce un metodo per creare velocemente un ambiente di prova pulito, un metodo per automatizzare il processo di installazione della macchina virtuale e, per gli sviluppatori software, la possibilità di integrare la creazione di una macchina virtuale all’interno del processo di generazione di un’applicazione. Se viene usato un mirror locale, il processo di creazione della macchina virtuale può richiedere meno di due minuti dall’inizio alla fine.

Per creare una macchina virtuale personalizzata, digitare:

<i>...

CONTINUA A LEGGERE

Come configurare scanner e stampanti per usargli al meglio in Ubuntu.

Come configurare scanner e stampanti per usargli al meglio in Ubuntu.

Linux associa le varie periferiche al relativi driver mediante l’utilizzo di alcuni files speciali che fungono da interfaccia software. Questi ultimi sono necessari a qualunque sistema operativo e non solo a Linux e garantiscono la comunicazione tra una data periferica ed il nostro kernel.

In pratica, il driver segnala al kernel le caratteristiche del dispositivo che andremmo ad utilizzare: se non disponiamo dei driver per una certa periferica il sistema non sarà in grado di riconoscerla ed utilizzarla.

Il problema delle incompatibilità hardware, di cui si parla spesso quando si fa riferimento a Linux, nasce dal fatto che i produttori di stampanti o scanner (ad esempio) non sviluppano software di controllo per le loro p...

CONTINUA A LEGGERE

Kalzium è un software libero che consente la visualizzazione della tavola periodica degli elementi.

Kalzium è un programma per la visualizzazione della tavola periodica degli elementi per l’ambiente desktop KDE.

Il programma contiene informazione sugli elementi chimici, incluso la massa, carica, foto, informazioni sulla scoperta, dati sulla chimica e sull’energia, e un modello dell’atomo. La tabella può essere configurata per mostrare la numerazione, la fase, e il colore degli elementi in vari modi.

È possibile colorare la tabella stessa in base a varie proprietà chimiche, ad esempio per blocchi o secondo la famiglia di ogni elemento, oppure colorando gli elementi con un gradiente di colore rosso a seconda di una proprietà come il punto di ebollizione o il raggio atomico...

CONTINUA A LEGGERE

UfRaw supporta la transcodifica di ben 318 tipi diversi di files in formato raw.

UFRaw (Unidentified Flying Raw) offre la possibilità di tagliare e salvare direttamente l’ immagine in ppm, tiff o jpg a 8 o 16 bit a quanti pixel desideri, oppure aprire direttamente il file in gimp per effettuare impaginazione/fotoritocco.

Una volta installato UfRaw funziona anche con l’ opzione plugin se da Gimp selezioni un file raw si apre UfRaw in automatico per la trascodifica/cromia/contrasto/etc.

Questo è sicuramente un programma che non può mancare nel proprio pc perchè a differenza del programmino che le varie case di apparecchiature offrono o includono all’acquisto della macchine fotografiche, questo programma permette la trascodifica (al momento in cui scrivo, ed ovviamente aumenteranno) di 318 tipi di file raw diversi formato OpenRaw compreso.

Quindi, una volta che ce l’ ...

CONTINUA A LEGGERE