Regolith Linux, una distribuzione basata su Ubuntu con una buona presentazione visiva di i3-wm.

Le distribuzioni basate su Ubuntu esistono in abbondanza e questo è eccellente poiché ciascuna delle diverse distro che prendono Ubuntu come base, sono profilate per coprire le diverse esigenze dei molti utenti Linux esistenti.

D’altra parte, ci sono anche quelli che prendono il pacchetto Ubuntu e di solito cambiano solo l’aspetto visivo (i famosi sapori di Ubuntu).

Anche se ci sono vari tipi di Ubuntu, Canonical non li adotta tutti come sapori ufficiali, quindi solo pochi hanno un supporto diretto sotto il mantello canonico.

Di questi hanno tutti ambienti desktop diversi. Ma per quanto riguarda coloro che preferiscono i gestori di finestre e che preferiscono ottimizzare le risorse di sistema in un modo migliore.

Ecco perché questa volta parleremo di una distribuzione basata su Ubuntu che dal mio punto di vista ha un aspetto estetico eccellente ed è molto ben adattata grazie al window manager i3-wm.

Informazioni su Regolith Linux

La distribuzione di cui stiamo parlando oggi è Regolith Linux. Questa è una distribuzione Linux basata su Ubuntu 19.04 e che ha il window manager i3-wm come componente principale.

Nonostante il suo design visivo minimale, Regolith Linux offre moderne funzioni di gestione di file e sistemi come monitor esterni e gestione dell’archiviazione, impostazioni Wi-Fi e bluetooth, nonché impostazioni di lingua e privacy.

Leggi anche:  Memcached permette la gestione di una cache condivisa.

Regolith si distingue per offrire il potere di usarlo in due modi.

Uno di questi è se l’utente ha già un’installazione Ubuntu (o derivata) esistente. Ciò consente a Regolith di essere aggiunto come un’altra sessione desktop installando il pacchetto regolith-desktop dal PPA Regolith.

Il secondo metodo è scaricare la distribuzione e installarla da zero su un computer o su una macchina virtuale.

Poiché Regolith utilizza i3-wm per la gestione delle finestre , ha i3-gap (una versione migliorata di i3-wm), i3blocks, i3bar, conky, un tema e un’icona GTK, cambia finestra, launcher dell’applicazione, compositore compton e altro ancora.

Per quanto riguarda la gestione del sistema , devo dire che l’uso di un gestore di finestre quando sei abituato ai gestori di desktop può essere un po ‘sconcertante, poiché perdi alcune funzioni a cui sei abituato, ma posso dire che ne vale la pena.

Regolith Linux ha un desktop molto pulito e minimalista.

Dal momento che otterrai maggiori prestazioni, oltre ad avere un desktop molto pulito e minimalista che ha ciò di cui hai bisogno al momento disponibile, poiché puoi utilizzare le scorciatoie per eseguire diverse azioni . Puoi consultare la sua guida per l’utilizzo dell’ambiente al seguente link.

Scorciatoie da tastiera.

Una delle azioni più utilizzate insieme alle sue scorciatoie da tastiera sono le seguenti:

Leggi anche:  Post più popolari del 2017 su Ubuntulandia: spiccano le guide sulle nuove versioni di Ubuntu.

Terminale ⊞ Win-enter

Browser ⊞ Win-shift-enter

Configurare il bluetooth ⊞ Win-b

Configura schermate ⊞ Win-d

Configura rete ⊞ Win-n

Configura potenza ⊞ Win-p

Imposta suono ⊞ Win-s

Configura wifi ⊞ Win-w

Come ho già detto, abituarsi richiede tempo, ma lascia che ti dica che dopo vedrai che è molto comodo usare un gestore di finestre.
Prova Regolith Linux su Ubuntu o alcuni derivati

Se sei interessato a poter testare l’ambiente Regolith Linux sulla tua distribuzione esistente , aggiungi semplicemente il repository Regolith Linux. (Solo per Ubuntu 18.04 (Bionic) o 19.04 Disco)

Per questo apriremo un terminale nel sistema con la combinazione di tasti Ctrl + Alt + T o con Ctrl + T e digiteremo il seguente comando:
uno

sudo add-apt-repository ppa:kgilmer/regolith-stable -y

Dopodiché installeremo il desktop sul sistema con:
uno

sudo apt install regolith-desktop

Al termine dell’installazione, dovrai solo disconnetterti dal tuo sistema e avviarne uno nuovo, ma questa volta scegliendo la sessione Regolith .
Scarica e ottieni Regolith Linux

Se non sei un utente della distribuzione e desideri utilizzarlo sul tuo computer o testarlo su una macchina virtuale.

Puoi ottenere l’immagine del sistema, devi solo andare sul sito ufficiale del progetto dove puoi scaricare l’immagine nella sua sezione download.

Al termine del download è possibile utilizzare Etcher per registrare l’immagine su una chiavetta USB e quindi avviare il sistema da una USB.

Leggi anche:  Tutto il software per Xfce presente nei repository in Ubuntu 16.04 Xenial Xerus.

Il link è il seguente.

La dimensione dell’immagine ISO è di 2,3 GB.

Espero que esta publicación te haya gustado. Si tienes alguna duda, consulta o quieras complementar este post, no dudes en escribir en la zona de comentarios. También puedes visitar Facebook, Twitter, Google+, Linkedin, Telegram y WhatsApp donde encontrarás información complementaria a este blog. COMPARTE EN!
stampa la pagina
Precedente A ottobre arriverà il gorilla, ecco Ubuntu 20.10 "Gorilla Groovy"

Lascia un commento