Le migliori distribuzioni Linux a 32 bit che non hanno voltato le spalle alle architetture x86.

Sebbene la compatibilità sia sempre stata uno dei pilastri fondamentali di Linux, ultimamente è molto difficile trovare tale compatibilità. Senza andare oltre, ci sono molte distribuzioni, come Ubuntu e Linux Mint (tra molte altre), che hanno deciso di voltare le spalle alle architetture x86, motivo per cui non offrono immagini ISO a 32 bit che permettano di installare questi sistemi operativi su queste architetture. Tuttavia, fortunatamente, non tutte le distribuzioni sono così.

Linux è spesso una delle migliori alternative che possiamo trovare per dare una seconda vita al nostro vecchio computer. Il motivo è molto semplice: mentre Apple ha il suo ecosistema chiuso e non consente l’installazione di macOS all’esterno dei suoi computer, e Microsoft è sempre più esigente con le risorse Windows (vedi Windows 11 con il suo TPM 2.0), Linux cerca di contribuire all’utente le ultime novità tecnologiche e, allo stesso tempo, mantenere il minor dispendio di risorse possibile.

Grazie a questo, è possibile trovare distribuzioni pensate per computer relativamente moderni, come Ubuntu, e altre i cui requisiti sono incredibilmente bassi, perfette perché un computer di 20 anni continui a funzionare come il primo giorno.

Linux in quanto tale supporta tutti i tipi di processori e configurazioni di PC, anche se i responsabili delle principali distribuzioni Linux sono poi quelli che decidono cosa supportare e su quale tipo di PC funzionerà il sistema. Ecco perché, ad esempio, possiamo trovare distribuzioni che hanno eliminato il supporto ai 32 bit, mentre altre sono specializzate in queste architetture.

 

Successivamente, se stai cercando un Linux per il tuo vecchio computer, vediamo quali sono le migliori opzioni che possiamo scaricare e installare.

Perché scegliere 32 bit?

Potremmo pensare, perché avremo bisogno di una ISO Linux a 32 bit ? La risposta è semplice: per ragioni di compatibilità. Se abbiamo un vecchio computer e vogliamo dargli una seconda vita, se il suo processore non è a 64 bit, non potremo nemmeno caricare il menu di avvio del sistema operativo.

E lo stesso vale per i programmi a 32 bit . Senza andare oltre, Steam e i suoi giochi funzionano a 32 bit e, sebbene Ubuntu e le altre distribuzioni abbiano ancora le librerie incluse, queste non rimarranno lì per sempre (ci sono già stati tentativi di eliminarle), il che può alla lunga ci causano più problemi che benefici.

Sistemi operativi a 32 bitIn genere consumano meno spazio sul disco rigido, oltre a utilizzare meno risorse, soprattutto la RAM. E sebbene i sistemi a 32 bit siano limitati a un massimo di 4 GB di RAM, il kernel Linux può ignorare questo limite se utilizziamo un kernel PAE. Consumando meno risorse, se il computer su cui vogliamo installare Linux ha poche risorse, ma ha un processore a 64 bit, è consigliabile utilizzare una distribuzione a 32 bit, poiché in questo modo otterremo velocità e consumo di risorse, cosa che , Senza dubbio, è apprezzato su vecchie apparecchiature. Se, inoltre, sostituiamo il disco rigido con un’unità SSD, potremo anche migliorare notevolmente i tempi di avvio e di esecuzione delle applicazioni che ci permetteranno di ottenere risorse aggiuntive che il processore non ci offre a causa della sua età.

Fortunatamente, ci sono ancora molte distribuzioni Linux che si impegnano per la compatibilità e continuano a offrire agli utenti immagini ISO da utilizzare su sistemi a 32 bit senza problemi. Sebbene inizialmente possa sembrare che queste distribuzioni siano destinate a scomparire, non lo faranno nei prossimi 5 o 010 anni, ma entro 15 o 20, quando tale vecchio hardware non avrà più alcun significato o utilità.

Il miglior Linux a 32 bit

Questi sono i migliori sistemi operativi basati su Linux a 32 bit che possiamo scaricare e installare su PC vecchi (o meno vecchi):

Debian

Desktop Debian

Fortunatamente, sebbene Ubuntu non supporti più i 32 bit, Debian sì. E, come sapremo, Debian è la base su cui è costruito Ubuntu. È vero che Debian è una distribuzione un po’ più complicata da usare rispetto ad altre distribuzioni, ma se dedichiamo del tempo a installarla e configurarla, in cambio avremo un sistema operativo molto veloce e sicuro con un eccellente supporto, oltre a un’eccellente community.

Si tratta di una distribuzione utilizzata soprattutto per lo sviluppo di software e hardware poiché funziona con numerose architetture e dispositivi o per ambienti aziendali, poiché molti utenti apprezzano sia la sua stabilità che i processi di aggiornamento dei pacchetti semplici. Inoltre, Debian supporta un lungo elenco di architetture CPU tra cui amd64, i386, più versioni di ARM e MIPS, POWER7, POWER8, IBM System z e RISC-V.

Debian è probabilmente la migliore opzione che possiamo scegliere per portare il supporto a 32 bit sul nostro PC. Possiamo scaricare questa versione di Linux da qui .

Il migliore

Qui troviamo una delle distribuzioni Linux più amate e utilizzate nell’intero globo. Si caratterizza per adattarsi a tutti i tipi di utilizzo, sia professionali che più domestici, e offre molteplici versioni per adattarsi a tutti i tipi di utenti.

Peggio

Coloro che stanno iniziando con questo tipo di sistemi operativi open source dovrebbero optare per altre opzioni più convenienti e provare Debian in un secondo momento.

Magia

MagiaMageia è un sistema operativo desktop stabile e sicuro distribuito come software gratuito. Ha un eccellente desktop KDE per impostazione predefinita, sebbene offra varianti basate su Gnome e Xfce. È basato su Madriva, quindi è un’ottima opzione per coloro che vogliono allontanarsi da Ubuntu e tutto ciò che lo circonda, come Debian.

Attraverso questa distribuzione, i suoi sviluppatori mirano a rendere Linux accessibile a tutti. Per fare ciò, fornisce strumenti integrati per la configurazione del sistema, mantenendo un elevato livello di integrazione tra il sistema di base, il desktop e le applicazioni. Migliora soprattutto la sua integrazione con applicazioni di terze parti e dispone di nuove architetture e formati.

Possiamo scaricare questo sistema dal suo sito Web principale .

Superiore

L’ambiente desktop in formato KDE che troviamo qui per impostazione predefinita ne semplifica notevolmente l’utilizzo oltre a trasformare questa distribuzione in una delle più attraenti dal punto di vista visivo.

meno alto

È considerata una distribuzione particolarmente adatta ai nuovi utenti in questi ambiti, quindi gli esperti Linux preferiscono optare per altre opzioni.

OpenSUSE Salto

OpenSUSE SaltoLeap è un’edizione di OpenSUSE progettata per soddisfare le esigenze di sviluppatori, amministratori e utenti comuni. Questa distribuzione viene pubblicata annualmente e fornisce agli utenti un eccellente supporto focalizzato sia sul miglioramento della qualità della distribuzione sia sull’offerta della migliore compatibilità con tutti i tipi di hardware, anche i più vecchi.

Leggi anche:  Tor, anonimato in Rete, rilasciati i nuovi pacchetti per Linux.

Questa distribuzione si distingue per offrire un buon numero di desktop gratuiti, come KDE Plasma, GNOME, LXDE, Xfce, MATE ed Enlightenment. È in continua evoluzione e riceve periodicamente nuove funzionalità, soprattutto in termini di prestazioni e sicurezza. E sono proprio la sicurezza e la stabilità del sistema operativo due dei motivi più importanti per cui questa distribuzione è così popolare. I suoi aggiornamenti di sicurezza sono affidabili, quindi avremo sempre un sistema ben protetto.

Possiamo scaricare questa distribuzione Linux per 32 bit dal seguente link .

Professionisti

Qui troviamo una proposta basata su OpenSUSE che si concentra soprattutto sull’utilizzo da parte di sviluppatori e programmatori di applicazioni. Vale la pena notare che ci offre diversi ambienti desktop per utilizzare quello che ci interessa di più.

Contro

Non è esattamente una distribuzione Linux facile da configurare o utilizzare e molti strumenti sono in qualche modo specifici per un certo tipo di utilizzo.

Rilassante

rilassato

In genere i sistemi a 32 bit saranno vecchi computer. L’ideale quindi è optare per una distribuzione leggera e ottimizzata per questo tipo di PC, e una delle migliori in questo senso è Slax. Questa distribuzione è progettata per funzionare su qualsiasi processore successivo al 1995 e su 128 MB di RAM. Permette di eseguirlo da una memoria USB o da un’unità ottica, quindi non dobbiamo nemmeno installarlo sul PC.

Dispone di un’ampia varietà di software di default e inoltre, poiché è basato su Debian, possiamo installare qualsiasi programma per utilizzarlo, purché l’hardware del nostro PC lo supporti.

Possiamo scaricare questo Linux da qui .

Notevole

Si tratta di una distribuzione Linux che si caratterizza per la sua leggerezza, il che significa che si adatta perfettamente ai computer più vecchi con meno risorse disponibili. Un’ottima proposta per dare una seconda vita al nostro PC che avevamo nell’armadio.

meno notevole

Gli utenti più esigenti in questo senso perderanno una moltitudine di strumenti che trovano in altre distribuzioni Linux più avanzate e professionali presenti sul mercato.

Bodhi

Bodhi

Anche se non potremo avere l’ultimo PC (poiché l’ultima versione ha solo ISO a 64 bit), Bodhi Linux dispone di un’edizione “Legacy” che ci permetterà di utilizzare questo sistema operativo su computer a 32 bit senza problemi. Questo ha un Kernel 4.9 ed è ottimizzato per funzionare su hardware molto vecchio, riuscendo a riportare in vita qualsiasi computer di più di 15 anni fa senza problemi.

Questa distribuzione è basata su Ubuntu e mescola molte funzioni e caratteristiche di questa distribuzione, insieme a caratteristiche di altre simili per diventare un sistema operativo unico. Possiamo scaricare la Legacy ISO, compatibile con i sistemi a 32 bit, da qui .

OpenSUSE Tumbleweed

OpenSUSE Salto

E se vogliamo una nuova versione di OpenSUSE, allora possiamo provare Tumbleweed. Si tratta di una distribuzione rolling release pura focalizzata sugli utenti avanzati che vogliono dare una seconda vita al loro vecchio computer e utilizzarlo soprattutto per lo sviluppo, la programmazione e la compilazione del codice.

Questa distribuzione può essere scaricata gratuitamente da questo link .

Gentoo

GentooGentoo è un altro sistema operativo che possiamo installare su una macchina a 32 bit per sfruttare i vantaggi di questa architettura. Questa Linux non è una semplice distribuzione, né è moderna. Per utilizzarlo dobbiamo avere una vasta conoscenza all’interno dell’ecosistema Linux, conoscenza che dovremo dimostrare fin dal processo di installazione.

Uno dei vantaggi dell’utilizzo di Gentoo come distribuzione Linux è che le versioni del suo software vengono continuamente aggiornate, a differenza di altre distribuzioni in cui i pacchetti devono essere testati per mesi prima di poterli scaricare. Al contrario, l’utilizzo di versioni del software non sufficientemente testate come Gentoo provoca anche la comparsa di bug che possono mettere a rischio i server di produzione.

Se vogliamo cimentarci con questa distribuzione, possiamo scaricarla a 32 bit dal suo sito web .

MXLinux

MX Linux è una distribuzione Linux molto leggera basata su Debian che ci permette di scegliere tra 3 opzioni desktop: Fluxbox, KDE e XFCE, una distribuzione pensata e progettata per gli utenti che non vogliono complicarsi la vita alla ricerca di applicazioni per eseguire compiti di base come come scrivere documenti, navigare o riprodurre musica o video poiché include un gran numero di applicazioni installate in modo nativo.

MXLinux

A differenza di altre distribuzioni Linux a 32 bit, MX Linux ci offre un design desktop molto attraente basato su Debian che offre prestazioni eccellenti sui computer più vecchi. Per quanto riguarda i requisiti minimi, MX Linux richiede almeno 1 GB di RAM e 15 GB di spazio su disco, tanti per una distribuzione per computer a 32 bit dove, sicuramente, lo spazio su disco non è un problema delle sue virtù. Possiamo scaricare MX Linux attraverso il suo sito web . da dove possiamo scaricare le versioni più attuali alle versioni precedenti che hanno smesso di ricevere supporto.

Tiny Core Linux

tinycore

Questo è probabilmente il sistema Linux più piccolo che possiamo trovare. I suoi sviluppatori sono riusciti a creare un sistema perfettamente funzionante, con un’interfaccia grafica, in soli 20 MB. E se non vogliamo un’interfaccia grafica, possiamo usarla con un’immagine da 16 MB. È un sistema che ha le basi, ma che offre agli utenti un ampio repository di software da cui possono scaricare qualsiasi programma, strumento o estensione di cui hanno bisogno. Un’ottima soluzione all-in-one, perfetta per dare una seconda vita ai vecchi computer a 32 bit.

Possiamo scaricare questa distribuzione dal sito web Tiny Core Linux .

ArchLinux 32

ArchLinux 32

E a proposito di distribuzioni complicate, se vogliamo un sistema operativo potente, compatibile e personalizzabile, Arch Linux è un’altra opzione per dare una seconda vita al nostro vecchio computer. Nello specifico con Arch Linux 32 .

Sebbene la versione ufficiale di Arch Linux abbia smesso di supportare questa architettura molto tempo fa, Arch Linux 32 è un progetto, mantenuto dalla comunità, che continua a offrire supporto per questa architettura. Questa distribuzione ci offre un sistema flessibile e molto leggero, ideale per i computer più vecchi, seguendo la filosofia Keep It Simple.

Possiamo scaricare questa distribuzione da questo sito Web .

Puppy Linux

Successivamente troviamo un’altra interessante proposta di questo tipo basata su un’architettura a 32 bit che ci sarà molto utile. Nello specifico, ci riferiamo alla distribuzione Linux Puppy Linux, una proposta molto conosciuta in alcuni ambiti e comunità Linux. Inoltre, una delle sue principali caratteristiche e vantaggi è che si tratta di un software molto leggero che consuma poco le risorse del computer. Per darci un’idea di cosa stiamo parlando, diciamo che Puppy Lin ux richiede solo 128 megabyte di RAM e un processore con una frequenza di 233 Mhz per funzionare. Ciò lo rende più che adatto per l’installazione e l’utilizzo su apparecchiature meno recenti.

Cucciolo Linux

A tutto ciò si aggiunge che la distribuzione viene proposta anche in una versione per le popolari schede Raspberry Pi. Vale la pena ricordare che, se decidiamo di provarlo, Puppy Linux utilizza Ubuntu come base, mentre utilizza le versioni LTS per il suo aggiornamento. Questi sono quelli con il tempo di supporto più lungo, che piacciono a molti utenti. Ospita anche alcuni pezzi di Slackware. Possiamo provare tutto questo da questo link .

Leggi anche:  Come vedere i contenuti gratis su Stremio

Zorin OS Lite

Browser ed esploratore del sistema operativo Zorin

Zorin OS è una moderna distribuzione Linux, basata su Ubuntu, progettata per essere una delle migliori alternative al classico Linux. Ha un’interfaccia molto curata (basata su un desktop XFCE), con angoli arrotondati e un’eccellente combinazione di colori che non ha nulla da invidiare né a macOS né a Windows 11.

L’edizione “Lite” di Zorin OS necessita solo di un processore da 700 MHz per funzionare, 512 MB di RAM e 8 GB di spazio di archiviazione su disco rigido, il che la rende perfetta per l’esecuzione su PC di diversi anni fa. Non funzionano bene con Finestre.

Possiamo scaricare questo Linux da qui .

SliTaz

Con soli 40 MB, SliTaz è una distribuzione a 32 bit molto leggera e versatile che possiamo utilizzare quotidianamente su qualsiasi vecchio computer o anche su server. Funziona in memoria senza problemi, quindi è ideale per avviare qualsiasi computer da un CD, DVD o USB e poi estrarlo per archiviare i dati nella memoria del dispositivo, poiché una volta caricato nella memoria del dispositivo, non è necessario leggerlo ancora una volta unità. Occupa così poco spazio che ci permette di scaricare una versione per floppy disk da 1,44 MB , ideale per computer molto vecchi senza unità CD.

Sli Taz

A differenza di altre distribuzioni a 32 bit, SliTaz viene aggiornato regolarmente. Dispone di una versione a 32 e 64 bit e, inoltre, include anche una versione da installare sul Raspberry Pi. Tutte queste versioni sono disponibili in spagnolo, quindi non sarà un problema impadronirsi rapidamente della lingua. Possiamo scaricare tutte le versioni di questa distribuzione direttamente dal suo sito Web a cui possiamo accedere facendo clic sul seguente collegamento .

Altre distribuzioni alternative x86

Se quanto sopra non ci convince, di seguito vi lasciamo altri sistemi molto interessanti.

Devuan

Devuan

Per l’avvio di Linux, è necessario disporre di un software responsabile del caricamento dei moduli del kernel e del loro controllo mentre il sistema operativo è in esecuzione. All’interno di questo ecosistema possiamo trovare un’ampia varietà di sistemi di avvio del kernel : SysVinit, Init.d e Systemd sono i più conosciuti. Lo scopo di tutti è lo stesso: avviare Linux.

Tuttavia, Systemd ha guadagnato un odio speciale da parte della comunità. Il primo è perché questo bootloader è stato creato da Red Hat secondo le proprie regole e regolamenti. E, il secondo, a causa della complessità, della dominanza e dell’eccessivo controllo sulle funzioni delle distribuzioni. Per molti, systemd rompe con la filosofia Linux , rendendo le distribuzioni più simili a Windows o macOS a causa del controllo piccolo e complesso che offre su tutti i demoni che controlla. E per questo motivo, gli utenti esperti che desiderano avere il controllo completo sul sistema, di solito cercano alternative lontane da ciò.

Il progetto Devuan è nato dopo la decisione di sostituire il sistema init del kernel Debian, SysVinit, con Systemd. Nel 2016 ha visto la luce la prima beta di questa nuova distribuzione, mentre la prima versione finale è arrivata nel maggio 2017. Da allora ha seguito lo stesso sviluppo del ramo stabile Debian, con la differenza di ha mantenuto SysVinit come sistema di avvio del kernel .

Questa distribuzione utilizza un desktop XFCE , un desktop personalizzabile e molto leggero, e dispone degli stessi programmi e pacchetti che possiamo trovare in qualsiasi versione stabile di Debian. Oltre a portare una serie di pacchetti predefiniti, possiamo utilizzare apt-build per compilare nuovamente la distribuzione con i pacchetti che desideriamo, avendo così molto più controllo sull’intera distribuzione, in vero stile Linux.

Devuan, ovviamente, è una distribuzione Linux completamente gratuita e open source . Possiamo scaricare l’ultima versione, gratuitamente, da questo link . Questa distribuzione è disponibile sia per 32 bit che per 64 bit, oltre ad avere una versione per computer e dispositivi ARM.

Se abbiamo già installata una versione precedente di questa distribuzione, possiamo facilmente aggiornarla all’ultima versione dal terminale e dalla procedura guidata offerta dalla distribuzione. Inoltre, se utilizziamo Debian, possiamo migrare direttamente su Devuan, senza formattazione, seguendo i passaggi offerti sul loro sito web.

SparkyLinux

SparkyLinux

Questa distribuzione è basata su Debian, ma il suo sviluppo è incentrato sull’offrire agli utenti la distribuzione più leggera possibile e in grado di funzionare praticamente su qualsiasi computer, non importa quanto sia vecchio. Sparky ci offre un sistema operativo completo, con un’interfaccia MinimalUI con Openbox che potremo personalizzare con più di 20 desktop diversi. Dispone di una versione stabile e di una versione semi-rollingrelease, che consente agli utenti più avanzati di essere sempre aggiornati.

Possiamo scaricare SparkyLinux leggero da questo sito web .

Emmabuntus.

Emmabuntus

Questa distribuzione è basata su Debian, ma cerca di soddisfare molte delle esigenze della distribuzione principale. A partire dalla dipendenza per completare l’installazione del sistema. Emmabuntüs viene fornito con tutto il necessario nell’ISO stesso per poter essere installato e configurato senza dover utilizzare una connessione Internet, il che lo rende un’ottima opzione per l’installazione su tutti i tipi di vecchi computer e, anche, per l’utilizzo in modalità Live .

Include molte funzionalità moderne, come una buona varietà di programmi preconfigurati per l’uso quotidiano, un lanciatore di applicazioni, una procedura guidata di installazione molto semplice, pacchetti non liberi e codec multimediali e un sistema completo di script di configurazione automatica.

Possiamo scaricare questa distribuzione dal suo sito Web gratuitamente.

Q4OS

Q4OS

Questa distribuzione assomiglia a Zorin OS, uno dei sistemi Linux esteticamente più simili a Windows. Diventa quindi una delle migliori alternative per gli utenti con meno esperienza con Linux che non vogliono rompere drasticamente con l’aspetto del sistema operativo Microsoft.

Viene fornito di serie con il proprio desktop, Trinity, così come un’ampia varietà di programmi conosciuti con cui possiamo iniziare a lavorare dal primo momento.

Possiamo scaricare questa distribuzione da qui .

Slackware

Slackware

 

Se non ci interessa l’aspetto e vogliamo avere una buona compatibilità con hardware e programmi vecchi di anni fa, questa è un’ottima opzione che possiamo scaricare da questo link .

VoidLinux

VoidLinux

Destinato agli utenti Linux avanzati, Void è un sistema operativo generico basato sul kernel Linux monolitico. Questo sistema dispone di un veloce gestore di pacchetti dal quale possiamo installare, aggiornare e rimuovere rapidamente tutti i tipi di software. I programmi di questa distribuzione si presentano sotto forma di pacchetti binari, anche se abbiamo anche la possibilità di crearli noi stessi grazie ai loro codici sorgente XBPS.

Possiamo scaricare questa distribuzione gratuitamente da questo link . Troveremo versioni senza ambiente grafico (per un terminale, dove è in grado di funzionare con meno di 100 MB di RAM) e, in più, con diversi desktop, come Cinnamon, LXDE, XFCE, LXqt o Enlightenment.

NixOS

NixOS è un’altra interessante distribuzione Linux compatibile con computer a 32 bit costruita con il gestore pacchetti Nix. Si tratta di una distribuzione indipendente che non è pensata appositamente per gli utenti alle prime armi, ma per gli utenti Linux avanzati che sanno interagire con Linux tramite comandi, lasciando da parte l’interfaccia grafica.

Leggi anche:  The Document Foundation ha rilasciato LibreOffice 6.2.2

Nixos

È ideale per creare server basati su Linux e funziona senza problemi su computer che hanno più di 15 anni. Se la nostra conoscenza di Linux si basa esclusivamente sull’interfaccia grafica, possiamo dimenticare questa opzione e prendere in considerazione l’utilizzo di una delle diverse opzioni che ti mostriamo in questa raccolta di distribuzioni Linux a 32 bit. Il download di questa distribuzione è supportato gratuitamente tramite il suo sito Web , da dove possiamo anche scaricare una versione per VirtualBox per testarla prima di installarla su un computer e verificare così se soddisfa le nostre esigenze.

Peppermint

Un’altra interessante distribuzione Linux a 32 bit pensata per computer meno potenti si trova in Peppermint, una distribuzione che utilizza LXDE come desktop e si basa su Ubuntu 18.04 LTS, perfettamente funzionante e non include praticamente alcuna applicazione quindi dovremo accedere allo store per installare le applicazioni di cui abbiamo bisogno. Se così non fosse, non sarebbe una distribuzione leggera per computer a 32 bit.

Menta piperita

Peppermint è disponibile anche in una versione a 64 bit, che richiede un processore minimo da 500 MHz, solo 1 GB di RAM e 5 GB di spazio di archiviazione, rendendolo ideale per i computer più vecchi. Include l’accesso ai repository Debian e include un gran numero di temi per personalizzare l’interfaccia utente. Possiamo scaricare l’ultima versione di Peppermint disponibile attraverso il suo sito Web a cui possiamo accedere da qui .

Alpine Linux 

Linux alpino

Se quello che cerchiamo è il minimalismo, Alpine Linux è una distribuzione che ti sorprenderà. Questa distribuzione ha un’interfaccia minima che viene sempre caricata in un ambiente sicuro per evitare vulnerabilità. L’immagine ISO occupa solo 133 megabyte e ha tutto il necessario per un utilizzo semplice del sistema.

Naturalmente dobbiamo tenere presente che questo non è un sistema operativo per utenti alle prime armi. Usare, configurare e padroneggiare Alpine Linux richiede tempo e conoscenza. Naturalmente, se lo raggiungeremo, avremo uno dei migliori sistemi in nostro possesso.

Possiamo scaricarlo dal loro sito web .

antiXLinux

antiX Linux è una distribuzione in cui, come tutte le distribuzioni a 32 bit, la velocità e l’efficienza hanno la priorità . A differenza di altri, è destinato agli utenti che sono appena entrati nel mondo Linux e vogliono muovere i primi passi. È basato su Debian e possiamo usarlo solo come Live CD per avviare il computer, anche se abbiamo la possibilità di installarlo anche su computer più vecchi.

AntiX

Include una versione desktop con un aspetto che ricorda molto Windows, con un ambiente grafico completo che difficilmente consuma risorse sui computer meno potenti. Possiamo scaricare questa distribuzione direttamente dal suo sito web .

Lithium (Bunsenlabs)

La distribuzione Lithum non è progettata solo per architetture a 32 bit , ma è compatibile anche con computer a 64 bit. Si basa su Debian 10 e include un gestore di finestre Openbox, quindi l’esperienza utente è molto simile a quella di Windows nelle versioni precedenti.

BusenLabs - Litio

I requisiti minimi per usufruire di questa distribuzione sono 10 MB di spazio su disco e solo 256 MB di RAM . Se stai cercando una distribuzione Linux per un computer a 32 bit che consumi pochissime risorse e occupi anche pochissimo spazio, Lithium è un’opzione interessante da considerare. Possiamo scaricare gratuitamente questa distribuzione direttamente dal suo sito Web facendo clic sul seguente collegamento .

Porteus.

La distribuzione Porteus è progettata per funzionare senza problemi su un LiveCD senza bisogno di essere installata su un computer, sebbene sia disponibile anche questa opzione. Occupa poco meno di 300 MB e funziona su computer sia a 32 che a 64 bit ed è disponibile in diverse lingue, incluso lo spagnolo.

Porteo

Uno dei punti di forza di questa distro è la grande comunità di utenti alle sue spalle, comunità con la quale possiamo trovare contatti tramite un forum dedicato disponibile a questo link . L’ultima versione disponibile di questa beta è del 2018, tuttavia la community è ancora attiva ancora oggi. Possiamo scaricare Porteus direttamente dal suo sito Web a cui possiamo accedere tramite il seguente collegamento , all’interno della sezione Download. L’unico requisito per scaricare questa distribuzione è registrarsi sul suo sito web.

Trisquel.

Trisquel GNU/Linux è una distribuzione basata su Ubuntu che si distingue principalmente per includere un gran numero di applicazioni software libere, a differenza di altre distribuzioni che includono software proprietario attraverso i repository inclusi nel sistema, rendendo praticamente impossibile trovare qualsiasi applicazione che sia stata creato con la premessa dell’open source.

Triscele

Si tratta infatti di una delle poche distribuzioni supportate dalla Free Software Foundation, il che è senza dubbio una dimostrazione che ancora oggi è possibile creare distribuzioni con applicazioni open source senza ricorrere a strumenti facili. La versione più moderna di Trisquel non offre supporto per computer a 32 bit, tuttavia possiamo scaricare una versione precedente che continua ancora a ricevere aggiornamenti direttamente dal suo sito Web, a cui possiamo accedere facendo clic su questo collegamento .

Qual è il migliore di tutti?

Come possiamo vedere, a differenza di quanto accade con Windows, dove non disponiamo più di una versione a 32 bit (a partire da Windows 11), all’interno dell’ecosistema Linux possiamo ancora trovare una buona varietà di alternative che funzionano con questa architettura. Non è il più consigliato, dato che 64 bit hanno solo vantaggi rispetto a 32 bit, ma, se ne abbiamo bisogno (per ragioni di compatibilità, perché il processore è molto vecchio, ecc.), abbiamo una scelta.

Tra tutti, se dovessimo scegliere una delle migliori alternative, senza dubbio sceglieremmo Debian . Oltre ad essere la base utilizzata dalla maggior parte degli altri, ha uno sviluppo molto attivo da parte dei suoi sviluppatori e un’eccellente comunità disposta ad aiutare tutti gli utenti a risolvere i loro dubbi e problemi. Questo, purché il PC sia relativamente nuovo e potente.

Se hai un vecchio computer a cui vuoi dare una seconda vita con Linux a 32 bit, allora scommetteremmo su altre due alternative. Da un lato abbiamo Bodhi , un sistema simile a Ubuntu per chi ha già familiarità con questo sistema operativo, e dall’altro abbiamo Slax, un’alternativa ideale per i PC che funzionano con meno di 128 MB di RAM. Infine, se siamo utenti avanzati ed esperti, allora dovremmo dare una possibilità anche ad Arch, un sistema minimalista che funzionerà con il minimo e il necessario senza sacrificare le sue funzionalità.

 

Il tuo PC è ancora più vecchio e ha 64 MB di RAM? Non arrenderti. Tiny Core Linux è una distribuzione ideale per darti una seconda possibilità.

Questa è un’altra distribuzione che funziona ancora a 32 bit. Anche se la verità è che la sua interfaccia può lasciare molto a desiderare. Slackware attribuisce una priorità maggiore alle prestazioni e alla compatibilità rispetto ad altri elementi come l’aspetto. Pertanto, se confrontiamo la sua estetica con quella di Windows 10, o di qualsiasi altra distribuzione Linux moderna, attirerà molta attenzione, in peggio.

 

Spero che questo post ti sia piaciuto. Se hai domande, dubbi o vuoi integrare questo post, non esitare a scrivere nell'area commenti. Puoi anche visitare Facebook, Twitter, Pinterest e Linkedin tra gli altri social network, dove troverai informazioni complementari a questo blog. CONDIVIDI SU!!
stampa la pagina
Precedente Mkusb, ripristina unità o schede USB danneggiate al loro stato originale Successivo Guida di Ubuntu Studio 23.10 “Mantic Minotaur”: Grafica.

Lascia un commento