Mkusb, ripristina unità o schede USB danneggiate al loro stato originale

riguardo a mkusb

 

 

Nel prossimo articolo daremo uno sguardo a mkusb. Si tratta di uno strumento sviluppato per rendere più semplice e sicura la creazione di unità avviabili eseguendo il flashing o la clonazione di un’immagine ISO o di un file immagine compresso. Inoltre, nei casi in cui i nostri dispositivi di archiviazione come schede SD e pen drive vengono danneggiati per un motivo o per l’altro, saremo in grado di riportare il dispositivo al suo stato di funzionamento originale.

Il modo più veloce per iniziare a creare e riparare unità USB avviabili è installare mkusb tramite il PPA corrispondente. Dovremo solo installare e aggiornare il pacchetto mkusb come tutti gli altri programmi. Con mkusb possiamo selezionare il dispositivo corretto ed evitare di sovrascrivere altri dispositivi che abbiamo collegato.

Questo strumento funziona con dd e ha un alto tasso di successo. È particolarmente utile per il pre-test e le nuove versioni, quando strumenti standard come Unetbootin non funzionano.

Se abbiamo bisogno di saperne di più su questo strumento possiamo consultare l’aiuto che offrono sul sito web di Ubuntu . In esso possiamo trovare manuali su tutte le possibilità di questo strumento, che non si riducono a quanto descritto in questo articolo.

 

Attenzione : Utilizzando la seguente procedura formatteremo il dispositivo su cui vogliamo lavorare. Ciò eliminerà tutti i dati che possono essere trovati sul dispositivo. Questo formato ci consentirà di fornire una soluzione per ripristinare un’unità USB o una scheda SD danneggiata al suo stato di funzionamento originale, senza la necessità di una conoscenza approfondita dell’argomento.

Leggi anche:  Terminator è un ottimo programma per terminale, molto simile a Gnome-terminal, ma con più opzioni.

Contenuto del post:

Installa MKUSB su Ubuntu 

Quando abbiamo un dispositivo danneggiato, la maggior parte delle volte una semplice formattazione tramite il browser dei file risolve il problema. In alcuni casi, quando il file manager non è utile, potremo utilizzare questo piccolo strumento di cui tratta questo articolo a questo scopo. Per cominciare inizieremo con l’ installazione tramite il corrispondente PPA .

Iniziamo aprendo un terminale (Ctrl+Alt+T) e aggiungiamo il repository MKUSB digitando:

1
sudo add-apt-repository ppa:mkusb/ppa

 

Ora continuiamo ad aggiornare il nostro elenco di pacchetti digitando nello stesso terminale:

1
sudo apt update

Una volta completato l’aggiornamento, ora possiamo installare mkusb digitando dallo stesso terminale:

1
sudo apt install mkusb

Ripristina un dispositivo di archiviazione

Una volta completata l’installazione, ora possiamo avviare mkusb . Il programma ci mostrerà un messaggio come il seguente, al quale dovremo rispondere “Sì”.

messaggio mkusb

La schermata successiva che verrà mostrata sarà quella che ci darà la possibilità di selezionare l’unità su cui lavoreremo.

selezione usb mkusb

Successivamente, il programma ci mostrerà le diverse possibilità che questo strumento ci offrirà. Per ripristinare l’unità ai valori predefiniti, dovremo selezionare “r”. È sempre interessante dare un’occhiata alle altre due opzioni.

condivisioni mkusb

Nella schermata successiva, mkusb ci chiederà per l’ultima volta se vogliamo continuare con il formato dei dati . L’opzione ‘Stop’ sarà selezionata per impostazione predefinita. Ai fini di questo articolo selezioneremo “Vai”.

Leggi anche:  Tempo di avvio e prestazioni migliorati in Ubuntu 18.10 “Cosmic Cuttlefish” con LZ4 e Ztsd.

avanti mkusb

La finestra si chiuderà e si aprirà il terminale che apparirà così.

ripristinare usb mkusb

Entro pochi secondi il processo sarà completato. Una volta terminato l’intero processo, dovremo smontare il dispositivo dal sistema e ricollegarlo . Potremo vedere che il dispositivo sarà montato come un normale dispositivo e che funzionerà correttamente come prima del “guasto”.

spiedino USB ripristinato

Ora so che tutto ciò avrebbe potuto essere fatto tramite comandi del terminale, gparted o qualche altro software . Ciò richiederebbe un certo livello di conoscenza sulla gestione delle partizioni, ma questo programma ci rende il tutto un po’ più semplice. Quindi è sempre bello avere un piccolo strumento come questo per automatizzare questo tipo di lavori.

disinstallare mkusb

Per rimuovere questo programma dal nostro sistema operativo non ci resta che aprire un terminale (Ctrl+Alt+T) e scrivere al suo interno:

1
2
sudo add-apt-repository -r ppa:mkusb/ppa
sudo apt remove mkusb && sudo apt autoremove

 

Sebbene questo strumento non sia l’unica opzione per eseguire questo tipo di lavoro. Può aiutarci a riparare i nostri dispositivi di archiviazione USB e le schede SD danneggiati (a patto che non si tratti di guasti gravi, ovviamente). Tutte le operazioni su MKUSB richiederanno i permessi di root.

 

Espero que esta publicación te haya gustado. Si tienes alguna duda, consulta o quieras complementar este post, no dudes en escribir en la zona de comentarios. También puedes visitar Facebook, Twitter, Google+, Linkedin, Telegram y WhatsApp donde encontrarás información complementaria a este blog. COMPARTE EN!
Leggi anche:  Installazione del supporto AX25 nell'ambito radioamatoriale in Linux.
stampa la pagina
Precedente Multiboot USB: cómo crear un USB multibootable Successivo Le migliori distribuzioni Linux a 32 bit che non hanno voltato le spalle alle architetture x86.

Lascia un commento