Come diventare esperti con GIMP: le finestre.

Lavorare con The Gimp significa lavorare con pannelli di dialogo che possono essere disposti su finestre indipendenti.

Oltre alle finestre vitali, indispensabili per poter lavorare con le immagini come quella dei «livelli», quella dei «canali» e quella dei «tracciati», scopriamo altre funzionalità corollarie ma molto utili che il programma ci mette a disposizione.

Possiamo a nostro piacimento raggruppare più schede in un’unica finestra, o mantenerle separate e posizionarle sullo schermo a personalizzare lo spazio di lavoro. Queste possono essere richiamate dal menù Finestre dell’area di lavoro.

Andiamo dunque a fare una carrellata sui pannelli più importanti da conoscere. Molte delle caratteristiche che osserviamo guardando alle finestre le approfondiremo nel corso delle prossime lezioni.

La finestra «Livelli»

La finestra dei livelli (control+L) visualizza tutti i livelli presenti in un documento. Permette di modificarne l’ordine di sovrapposizione, di renderli visibili o meno, di fonderli, di regolarne l’opacità, di trasformarli ed applicare delle maschere.

GIMP finestra livelli.

(1) Seleziona il documento aperto su cui

lavorare

(2) Mostra/Nascondi livello

(3) Collega i livelli tra loro

(4) Crea un nuovo livello

(5) Cambia la disposizione dei livelli in

alto o in basso

(6) Duplica il livello selezionato

Leggi anche:  Come raggiungere una migliore velocità di avvio in Ubuntu 18.04 utilizzando le funzionalità di Systemd.

(7) Ancora una selezione fluttuante

(8) Elimina il livello selezionato

(9) Informazioni sui livelli

(10) Selettore opacità livello

(11) Mantiene l’opacità del livello

(12) Apre il menù livelli

(13) Seleziona la modalità livello

Inoltre, cliccando col tasto destro del mouse sul livello selezionato ritroviamo tutte le voci del menù Livello.

La finestra «Canali»

La finestra dei canali mostra i livelli di colore presenti in un documento. I canali sono immagini in scala di grigio che contengono informazioni sui colori e sono visualizzati in base al metodo di colore in cui stiamo lavorando.

Per esempio quando lavorassimo in modalità colore RGB vedremmo tre livelli (Rosso, Verde, Blu) se invece scegliessimo la modalità Scala di Grigio ne avremmo uno solo.

GIMP finestra canali.

Immaginiamo ogni canale come una diversa lastra di colore, la loro sovrapposizione ci rende la gamma cromatica completa. In più possiamo creare i canali Alpha per le trasparenze e il canale della maschera veloce per salvare le selezioni come immagini in scala di grigio e viceversa.

La finestra «tracciati»

La finestra dei traccaiti serve a gestire i tracciati vettoriali creati con lo strumento «crea tracciato» o con una selezione convertita in tracciato.

Da qui possiamo richiamare, modificare, convertire ed eliminare i tracciati presenti nel nostro documento, è possibile creare una selezione da un tracciato e viceversa.

Leggi anche:  Gestione dei pacchetti in Debian (2a parte).

Ogni tracciato è raffigurato con una miniatura su livelli differenti.

La finestra «Pennelli»

La finestra dei pennelli visualizza tutti i pennelli disponibili, ci permette di modificarli e crearne di nuovi. Qui troviamo dai classici pennelli tondi e quadrati, a quelli più bizzarri. Per assegnare un pennello ad uno strumento di disegno basta selezionarlo cliccando con il mouse.

Lo slider inferiore imposta la spaziatura, ovvero la distanza in pixel tra una “pennellata” e l’altra lungo la linea tracciata. Un valore basso creerà una pennellata continua, un valore alto ci farà distinguere chiaramente la forma del nostro pennello.

GIMP finestra pennelli.

Cliccando sull’icona modifica o su nuovo pennello, si apre l’ Editor Pennelli. Con questo pannello possiamo modificare il pennello in base alle nostre esigenze, cambiando la forma, dimensioni, sfocatura, durezza e angolo di inclinazione. Possiamo aggiungere quanti pennelli vogliamo importandoli nella libreria del programma.

La finestra «Gradienti»

La finestra gradienti mostra la libreria di sfumature disponibili, tramite questo pannello possiamo modificare, cancellare duplicare e creare nuovi gradienti. Possiamo riempire un’area dell’immagine con un gradiente, o assegnarlo ad uno strumento di disengo come l’aerografo per avere il tratto sfumato da diverse gradazioni di colore.

Cliccando sull’icona «modifica gradiente» o su «nuovo gradiente» apriamo Il pannello Editor Gradienti, questo ci permette di cambiarli a nostro piacimento, impostando oltre ai colori desiderati, anche il tipo di sfumatura da applicare tra: lineare, curva, sinusoidale o sferica.

Leggi anche:  Guida per l'utilizzo di GParted: Introduzione.

La finestra «Motivi»

La finestra motivi mostra tutti i motivi (pattern) grafici presenti nella libreria. Per riempire un’area con un pattern è sufficiente selezionare quello desiderato ed assegnarlo come colore di riempimento ad uno strumento di disegno, o semplicemente, trascinarlo con il mouse all’interno di una selezione.

Possiamo ampliare la nostra raccolta di motivi importandoli nella directory di installazione del programma. Se vogliamo trovare patterns da aggiungere alla nostra libreria diamo uno sguardo al

sito ufficiale o cercando nei motori di ricerca le parole chiave “Gimp” e “Patterns”.

Espero que esta publicación te haya gustado. Si tienes alguna duda, consulta o quieras complementar este post, no dudes en escribir en la zona de comentarios. También puedes visitar Facebook, Twitter, Google+, Linkedin, Telegram y WhatsApp donde encontrarás información complementaria a este blog. COMPARTE EN!
stampa la pagina
Precedente Come diventare esperti con GIMP: introduzione e l'area di lavoro. Successivo Come configurare Hide.Me OpenVPN su Ubuntu, tutorial passo a passo.

Lascia un commento