Guida ad Ardour noto e potentissimo audio recorder ed editor per i sistemi Linux.

Guida ad Ardour noto e potentissimo audio recorder ed editor per i sistemi Linux.

Ardour è un programma di registrazione ed elaborazione audio professionale Open Source, rilasciato sotto la licenza GNU General Public License che non ha nulla da invidiare alle controparti commerciali.

Attualmente funziona su Linux, Solaris, e Mac OS X. Consente la registrazione multitraccia in realtime.

L’autore e principale sviluppatore è Paul Davis, autore anche del software JACK Audio Connection Kit.

Caratteristiche.
La seguente lista è solo una panoramica delle caratteristiche di Ardour e include solo le essenziali. La spiegazione di tutte le sue caratteristiche non è lo scopo di quest’articolo.ardour-retina_no_plugs2

Registrazione.
Le capacità di registrazione di Ardour sono limitate solo dall’hardware su cui è installato. Non ci sono limitazioni software, più la capacità dell’hardware è alta, più Ardour sarà in grado di registrare. Se l’hardware non è dei più potenti ardour riconosce automaticamente le zone in cui viene risentita la latenza e corregge automaticamente gli errori posizionando la registrazione dove avrebbe dovuto essere senza latenza.

ardour-big_mixer4

Mixaggio.
Ardour rende disponibili infinite tracce e bus, ovviamente anche in questo caso il limite è dato solo dall’hardware in uso. I parametri di gain, pan e plugin possono essere completamente automatizzati. I dati campione sono mixati e mantenuti interamente in 32 bit per la massima fedeltà della definizione sonora.

Editing.
Ardour supporta il drag, il trim, lo split e il timestretching alle zone registrate con risoluzione sample-level. Un crossfade editor versatile e una beat machine sono inclusi in Ardour. Con Ardour è possibile effettuare infiniti “undo/redo”, e ha anche la caratteristica “snapshot”, per salvare lo stato corrente del progetto.

Leggi anche:  SubDownloader open source, targato Google, nessun spyware.

Mastering.
Ardour può essere usato come ambiente di masterizzazione e finalizzazione. La sua integrazione con JACK rende possibile l’utilizzo di strumenti di mastering come JAMin per il processo dei dati audio. Ardour può anche esportare in formato TOC e CUE, che permettono la creazione di CD audio.

Midi.
Ardour supporta frequenze di campionamento digitale differenti legate alla misura della capacità dell’hardware, agli input ed output e al numero differente di formati di file. MMC (MIDI Machine Control) e le superfici dei controlli MIDI generici possono essere usati per controllare e mixare anche manualmente, o automaticamente.

Ultima versione stabile rilasciata:

linux iconLinux

Ardour 4.2 for Linux x86_64

Ardour 4.2 for Linux x86

Installazione.

In questa guida andremo a vedere come installare la versione 4.0 di Ardour su Ubuntu 15.04.

    Apriamo il terminale ed aggiungiamo il repository contenente Ardour 4.o tramite il comando:

sudo add-apt-repository ppa:dobey/audiotools

    Aggiorniamo l’elenco dei repository tramite il comando:

sudo apt-get update

    Una volta aggiornato l’elenco dei repository non ci rimane che installare Ardour 4.0 tramite il comando:

sudo apt-get install ardour

 

ardour-vtl-a4

ALTRI ARTICOLI SU ARGOMENTI SIMILI

Leggi anche:  Gnormalize convertitore audio, encoder, ripper, con editor per i metadati.
Precedente Xubuntu aggiorna tutti i browsers. Successivo Gli aggiornamenti proposti a continuazione fanno parte del bollettino di sicurezza settimanale rilasciato da Canonical.

Lascia un commento